L'opinione - Un patto senza “centralità"